Post

Visualizzazione dei post da Giugno, 2010

Ce n'è già troppa

Immagine
Quanto più a lungo si vive, tanto più la realtà si fa incalzante, e al tempo stesso meno interessante, perché ce n'è già troppa. Davvero c'è bisogno di aggiungervi ancora qualcosa? Al di sopra dell'esistente bisogna accatastare l'immaginario, solo perché qualcuno, quand'era giovane e aveva ancora poca esperienza di quel che chiamiamo realtà, s'è messo a fantasticare per conto proprio un po' di pseudorealtà (...)?

(Cees Nooteboom, Il canto dell'essere e dell'apparire)
.

Il bando è aperto!

Immagine
Da oggi, 16 giugno, fino al 5 settembre 2010 è aperto su Photographers.it il bando di partecipazione al Lens Based Art Show. Si tratta di una manifestazione alla sua prima edizione ideata e realizzata dall'Osservatorio Gualino di Torino per promuovere l'eccellenza delle forme d'arte visiva contemporanea basate in tutto o in parte sulla tecnica fotografica (opere bidimensionali e tridimensionali, audiovisivi, installazioni, new media, progetti web 2.0, ecc.).
L'idea dell'evento nasce dalla sinergia con la rassegna fotografica CONFINI, alla quale l'Osservatorio Gualino è associato dallo scorso anno e della quale intende raccogliere e valorizzare artisti ed opere. L'evento principale del Lens Based Art Show consisterà in una grande mostra collettiva allestita dal 6 al 30 novembre 2010 negli spazi della prestigiosa villa collinare sede dell'Osservatorio Gualino. Durante il mese di esposizione verranno realizzati ulteriori event…

Al di là dello sguardo

Immagine
Il paesaggio non è un cerchio chiuso, ma un dispiegarsi. È veramente geografico per i suoi prolungamenti, per lo sfondo reale o immaginario che lo spazio apre al di là dello sguardo [...]. Il paesaggio è uno scorcio su tutta la Terra, una finestra aperta su possibilità illimitate: un orizzonte. Non una linea fissa, ma un movimento, uno slancio.

(Eric Dardel, L'uomo e la Terra, natura della realtà geografica)
.

Io sono Colui che è

Immagine
Giulio – ©2008 Fulvio Bortolozzo.

Possiamo (...) affermare che nei suoi momenti quasi universalmente reputati supremi, essa [l'arte del passato] è sempre stata ineloquente come in Piero della Francesca, sempre, come lui, muta e gloriosa. Sono tentato di dir di più, di suggerire che forse, nel regno visivo, l'arte vera – in quanto distinta da non importa quali valori informativi o semplici novità o stravaganze o giochi – sempre tende a comunicare la pura esistenza delle figure ch'essa presenta.
L'arte vera non ha mai, né mai dovrebbe, rappresentato, ma presentato. L'arte è basata sulla realtà, ma vive indipendentemente da essa, senza guardare al trampolino dal quale si lancia nell'oceano dell'Essere. L'arte vera è Essere; e con Jehova dell'Antico Testamento dovrebbe rispondere, se richiesta cos'è: «Io sono Colui che è».

(Bernard Berenson, Piero della Francesca o dell'arte non eloquente)
.

Smettere è molto difficile

Immagine
In questi ultimi anni si è cercato spesso di avvicinare la fotografia documentaria — quella che pretende di limitarsi a pure constatatazioni — al ready-made artisticodal momento che il gesto dell'artista sembrerebbe in entrambi i casi limitarsi all'atto di operare una scelta. Due caratteristiche distiguono tuttavia la fotografia documentaria dal ready-made, apparentandola piuttosto, come afferma Evans, all'arte della collezione. In primo luogo, allontanandosi dalla ricerca dell'indifferenza estetica auspicata da Duchamp, essa mantiene un elemento di gusto come criterio di selezione: il fotografo come il collezionista , ammassa e mostra solo oggetti che gli interessano (...) . In secondo luogo, la fotografia documentaria, sforzandosi sempre di costituire un dispositivo di relazioni, si fonda, contrariamente al gesto di Duchamp, sulla quantità. Evans stesso ha sottolineato l'aspetto compulsivo di tale pratica e le sue conseguenze psicologiche: costruire una collez…

Una città banale

Immagine
È attraverso Dada che si attua il passaggio dal rappresentare la città del futuro all'abitare la città del banale. Quella futurista era una città attraversata da flussi di energia e da vortici di masse umane, una città che ha perso ogni possibilità di visione statica e che viene messa in azione dalle macchine in velocità, dalle luci, dai rumori, dal moltiplicarsi dei punti di vista prospettici e dalla metamorfosi continua dello spazio. (...)
Tristan Tzara nel manifesto del 1916 aveva dichiarato che Dada è «decisamente contro il futuro», trovando già nel presente ogni sorta di universo possibile. Le azioni urbane compiute all'inizio degli anni Venti dal gruppo parigino che si era formato attorno a Breton sono già lontane dai proclami futuristi. La città dadaista è una città banale che ha abbandonato tutte le utopie ipertecnologiche del futurismo. La frequentazione e la visita dei luoghi insulsi sono per i dadaisti una forma concreta per operare la dissacrazione totale dell'…

STILL aLIVE

Immagine
9 - 27 giugno 2010
Fotografie di Aurelio Amendola, Gianni Berengo Gardin, Simone Bergantini, Antonio Biasiucci, Fulvio Bortolozzo, Enrico Cattaneo, Enzo Cei, Ferdinando Cioffi, Bruno Del Monaco, Alessia De Montis, Paola Di Bello, Alessandro Di Giugno, Fabio Donato, Giovanna Gammarota, Ico Gasparri, Raffaella Mariniello, Nino Migliori, Carlo Orsi, Dino Pedriali, Luca Piovaccari, Oliviero Toscani, Giuseppe Varchetta, Nicola Vinci.

Mercoledì 9 giugno, la Fondazione Arnaldo Pomodoro (via Andrea Solari 35, Milano) ospiterà un importante evento culturale e benefico. Alle 18.30, infatti, verrà presentato il libro Still aLive. 33 storie di chi ha vissuto e vinto la lotta contro il cancro (Skira editore), a cura di Ugo Pastorino e Giuseppe Maraniello, che racconta le storie di pazienti che hanno vissuto e vinto la lotta contro il cancro, interpretate da 23 grandi fotografi.

Il ricavato della vendita del volume sarà devoluto alla Fondazione Flo…

Non ci sarebbe mondo

Immagine
Senza vacuità non ci sarebbe forma, ma un mondo raggelato, senza vita. Non ci sarebbe mondo.
La forma è vacuità, la vacuità è forma. E in quanto arte dell'attimo per eccellenza, la fotografia può essere anche chiamata arte dell'evidenziazione della forma e della ricerca della vacuità.

(Diego Mormorio, Meditazione e fotografia)
.