Di cuore.


Scattare una fotografia è, per me, prima di tutto un gesto istintivo di relazione diretta con qualcosa che mi tocca. Tendo la mano e tocco a mia volta. Non necessariamente la traccia che ne ricavo dev'essere bella o intelligente: mi basta sia sincera, con me stesso, non con altri.

Mostrarla poi è un atto di condivisione. Anche in questo caso, non necessariamente per averne un ritorno. Quella stessa mano che si è distesa per toccare, ora contiene qualcosa e lo porge a chi vuole vederlo. Tutto lì.

Ricordo, o immagino di ricordare, di averlo sempre fatto, fin da bambino, senza fotocamere e senza nemmeno tutte le complicazioni di pensiero che mi avrebbe poi portato negli anni il fotografico.

Questa fotografia l'ho scattata l'altro giorno dal balcone di casa. Non significa altro che il mio piacere d'esserci stato, in quei momenti, davanti a quello succedeva nel cielo, sopra di me. La porgo a chi si ostina a leggermi, insieme ad un grazie. Di cuore.

.

10 commenti:

  1. un grazie a Te per le foto, per esserci e per donarci sempre spunti di riflessione.

    RispondiElimina
  2. Fulvio.
    Stupendo il tuo pensiero e la tua generosità. Proprio come stasera. In questo momento mi affaccio e vedo esattamente la stessa scena. E te la restituisco. A te e a tutti coloro che ci leggono. Ecco. Come una mano tesa che incontra la tua e nel cogliere quello che offre, offre a sua volta un pensiero. Grazie "Di cuore"... Si che bello proprio come allora... quando bambini offrivamo e sapevamo prendere senza "tutte le complicazioni di pensiero" di oggi... nella semplicità... che dona semplicità e serenità. E' quello che mi lascia questa tua cartolina "Di cuore".
    Fulvio... me la gusto tutta questa tua presenza e generosità. Ancora tante grazie "Di cuore".
    Ah... una piccola precisazione... io sono uno di quelli che non si ostinano a leggerti... bensì si dilettano.
    Giulio

    RispondiElimina
  3. E' incredibile come un profilo all'orizzonte sia sufficiente a riportarmi con la mente a casa, da questa terra per me ancora emotivamente piatta... grazie per questo inaspettato biglietto di ritorno.
    Nicole

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando vorrai tornare Nicole, questa terra è sempre anche la tua terra.

      Elimina
  4. Ebbene sì ... son Cinzia.... anche io ti ostino a leggerti!
    Come Fulvio in realtà, mi diletto... grazie anche da parte mia! La fine del giorno ... i rumori si dileguano nei colori del crepuscolo...

    RispondiElimina
  5. bellissima riflessione Prof ! profonda stima

    RispondiElimina

Si prega di evitare commenti anonimi.
Grazie per la collaborazione.