Il lato oscuro delle icone.

A Torino, da NOPX, è arrivato Ashkan Honarvar, un iraniano, cresciuto e residente nei Paesi Bassi. Ashkan compone delle particolari opere visive usando l'antica tecnica del collage. Il materiale iconografico che ritaglia e ricompone è tratto da antichi libri di varia scienza.


C'è in effetti da stupirsi che qualcuno si metta ancora lì con mezzi manuali, e tanta pazienza, a fare quello che oggi un flusso digitale permette di realizzare con superiore precisione e meno tempo.


La forza concettuale di questa operazione sta proprio nel rivendicare una lentezza di azione e pensiero che portano molto lontano e verso opere uniche, ciascuna diversa dalle altre.


La procedura, apparentemente anacronistica, rafforza il materiale visivo antico e dalla loro somma emerge la visionarietà dell'artista, rimescolando in ogni direzione inattesa e inattendibile le figure originali.


Domina un senso di inquietudine, un disorientamento iconografico, come spesso accade con collages e fotomontaggi. Qui però la sapienza dell'artista sta nel trovare un punto di sintesi tra la raffinata matrice decorativa della sua terra d'origine e la figurazione occidentale. Proprio così può diventare visibile il lato oscuro delle icone.



Ashkan Honarvar
ON THE DARK SIDE

NOPX|Limitededitionpics
Via Guastalla 6a, Torino.

La mostra è visitabile fino al 28 novembre prossimo, anche su appuntamento.

Info.
Cell. 328 705 5257
info@nopx.it
www.nopx.it








Post popolari in questo blog

Una cultura fotografica.

La dittatura degli ignoranti.

Mi pare una sconfitta.