MIA 2013, terza edizione.

Anche quest'anno la creatura di Fabio Castelli propone al mercato del collezionismo fotografico una variegata offerta di autori di ogni provenienza progettuale e stilistica. Oltre 100 le gallerie presenti, 25 gli autori selezionati come proposte MIA, una cinquantina gli editori e sei gli stand, novità di quest'anno, dedicati al supporto tecnico dei collezionisti. Tutti numeri che si ricavano dall'elenco-mappa distribuito all'ingresso.

Dopo oltre cinque ore passate a visitare palmo a palmo la fiera, la sensazione è quella di una migliore disposizione dei percorsi, lo scorso anno un poco confusi, il che rende più agevole la visita. L'offerta di opere è generalmente di ottimo livello professionale, con l'ormai straripante uso delle carte pregiate stampate a getto d'inchiostro su formati spesso decisamente grandi e con montaggi raffinati. Dal punto di vista progettuale, a mio avviso è però il caso di fare una riflessione, magari a bocce ferme. Gli autori già riconosciuti confermano spesso la loro validità anche in serie recenti, gli autori in via di riconoscimento alternano invece prove interessanti ad altre che scontano una certa ripetitività accademica sia di temi sia di soluzioni formali.

Come d'abitudine, un riassunto fotografico di ciò che ha attratto la mia attenzione lo si può vedere QUI.


MIA Fair
10-12 maggio 2013
Superstudio Più - via Tortona 27, Milano
Tel. / Fax: +39 02 83241412
Email: info@miafair.it


.

Post popolari in questo blog

Una cultura fotografica.

Sotto il vestito meno di niente.

La dittatura degli ignoranti.