Ciao Mario.

Mario, 2013.
Proprio oggi, ma dieci anni fa, terminava la vita di mio padre. Non vide il nuovo sole. Non penso di aver ancora veramente capito cosa sia successo. So solo che mi toccherà la stessa cosa, come a tutti i viventi. Con lui, questo l'ho sentii subito, se ne andò anche la mia immortalità. L'eterno presente che vivevo dalla nascita. Da allora sono in attesa che tocchi anche a me e inganno il tempo cercando di fare tutto quello che sento di voler e dover fare. Dire di più mi suonerebbe stonato. Ciao Mario...

.

Post popolari in questo blog

Una cultura fotografica.

La dittatura degli ignoranti.

Sotto il vestito meno di niente.