Brandelli di tempo andato


 Ci sono ore della notte nelle quali i passi risuonano sul selciato. In quelle ore lì c'è calma. Una sospensione del tempo, o almeno un suo rallentamento così evidente, da far riposare lo spirito. Ogni incontro sembra più prezioso, forse unico. Ogni rumore annuncia qualcosa o ricorda qualcosa d'altro. Sono questi i momenti che preferisco quando sento il bisogno di stare ad ascoltarmi. Non ci sarebbe bisogno di niente, ma portarsi a spasso un treppiede allungato sulle spalle con sopra una fotocamera, dà la sensazione di essere lì per qualche motivo. Conferisce dignità e serietà al vuoto nel quale ci si immerge. Poi tutto tornerà normale, il corso delle cose riprenderà il sopravvento. Oltre al ricordo, una fotografia, forse due. Brandelli di tempo andato.

.

Post popolari in questo blog

Una cultura fotografica.

La dittatura degli ignoranti.

Mi pare una sconfitta.