Continua ad esistere

©2011 Fulvio Bortolozzo - dalla serie Appunti per gli occhi.

Io invece credevo — e credo ancora — in una differente intenzionalità (...): consiste nel guardare alla fotografia come ad un modo per relazionarsi col mondo, nel quale il segno di chi fa fotografia, quindi la sua storia personale, il suo rapporto con l'esistente, è sì molto forte, ma deve orientarsi, attraverso un lavoro sottile, quasi alchemico, all'individuazione di un punto di equilibrio tra la nostra interiorità — il mio interno di fotografo-persona — e ciò che sta all'esterno, che vive al di fuori di noi, che continua ad esistere anche quando avremo finito di fare fotografia.

Luigi Ghirri, Lezioni di fotografia.

.