Sembra un uomo libero

©2007 Fulvio Bortolozzo - dalla serie Spina Centrale.
Nel grande mare dell'urbanesimo megalopolitano il cittadino vive nell'illusione di essere un fortunato. Ha il lavoro, l'automobile che gli permette di andare in fabbrica o in ufficio e, il fine settimana, di evadere verso mete diverse scelte da lui stesso. Ha la casa con tutti i servizi necessari, la televisione che gli consente ore di relax e di comunicazione con il mondo esterno; in qualche caso ha un collegamento Internet con il quale trascorre le poche ore libere quando torna a casa dal lavoro. Sembra un uomo libero e giustamente soddisfatto.
Ma è libertà la sua? Libertà quella di cittadini che non partecipano minimamente alla costruzione della città in cui vivono? Costretti ogni mattina a mettersi in macchina o a pigliare il treno e il metrò per raggiungere il posto di lavoro, facendo e rifacendo lo stesso itinerario, magari dopo code interminabili sulle strade intasate?

(Eugenio Turri, La megalopoli padana)
.

Post popolari in questo blog

Una cultura fotografica.

La dittatura degli ignoranti.

Mi pare una sconfitta.